sabato 29 settembre 2012

Rientro al nido

E così lo scorso weekend siamo tornati nel nido.
E' una settimana che cerco di finire questo post, ma tra gli scatoloni, le lavatrici del cambio armadio e la domenica passata a seguire un evento da casa non sono riuscita ad andare molto avanti ^^' Vediamo se oggi va meglio...

Non so se sia un meccanismo di difesa psicologico o se davvero quest'anno avessimo mobilitato più roba, fatto sta che il trasloco si è rivelato una fatica immane: non ricordavamo una lavorata simile l'autunno scorso!
Al terzo giro in macchina mi sono detta che l'estate prossima farò a meno di lanterne, lumini e candele (ci credereste che mi hanno riempito due sacchetti grandi?)
Al quinto giro, issandomi sulle spalle uno zaino all'Ambrogio Fogar pieno di libri, mi sono ripromessa di non spostare mai più un singolo volume dalla libreria di casa (ignorando volutamente il fatto che, purtroppo, l'estate è l'unico periodo in cui ho davvero tempo per leggere)
Al settimo giro, con l'ennesimo carico di abiti sulle spalle, con le grucce che ti segano le dita e i vestiti che scivolano per terra che è una meraviglia - praticamente li semini dietro di te come la scia di briciole di Pollicino - ho sbottato giurando di buttare tutto quello che non ho messo questa stagione (e più o meno l'ho fatto davvero! Quattro sacconi pieni per la Caritas, Aleeee!)
All'ultimo giro, mentre io e Mr Owl arrancavamo trascinando addirittura il freezer, abbiamo deciso che la prossima estate si mangeranno solo insalate! ;)

A metà settembre avevo iniziato a sentire voglia di casa. E' una sensazione ancora nuova e piacevolissima notare come il nido in città, quell'appartamento a cui mi sono adattata con fatica, sia diventato ormai "casa". Con l'arrivo della pioggia e di temperature che invogliano a trascorrere più tempo dentro anzichè in giardino, avevo proprio voglia di rimpossessarmi di quegli spazi accoglienti e riforniti di tutto quello che è "mio": la scrivania con le mie cose, il materiale per gli esperimenti creativi, l'adsl, una cucina moderna e attrezzata (che soddisfazione accendere di nuovo il forno!) e in generale un ambiente più caldo, intimo e raccolto.
Non pensavo che avrei sentito il distacco dalla campagna e dalla vecchia casa dove sono cresciuta, dato che ormai non ha più nulla dell'atmosfera che conoscevo. Invece confesso che un po' di magone c'era via via che svestivo le stanze dei pochi soprammobili e impacchettavo tutti gli oggetti che avevano reso la casa ancora viva per quattro mesi. Mi sono sentita (stupidamente, lo so, ma la sensibilità non è razionale, no?) come se la stessi abbandonando, tradendo un'altra volta. Il pensiero di non poter più fare il pieno di sole al mattino, aprendo tutte le finestre che danno a est, di non avere più Tigro e il suo amichetto che si intrufolano tra le nostre gambe rischiando di farci cadere, di non dover più innaffiare il basilico, le rose e le piante aromatiche hanno risvegliato una malinconia inaspettata.
Per un attimo avevo dimenticato che la mia natura ha una vena malinconica con cui devo sempre fare i conti, che mi porta ad affezionarmi a qualsiasi luogo e a faticare ad affrontare ogni piccolo cambiamento.
La novità positiva è che la fase di spaesamento è durata molto poco. Il guardarsi intorno confusi "Ma dov'è che li tenevamo i taglieri?" "Mr Owl, guarda che il primo cassetto era il mio tu avevi quello lì sotto!" è passato e ci siamo ri-impossessati di casa come se non fossimo mai andati via. Il risultato è stato appagante :)


Mr Owl si è cimentato nel primo spezzatino della sua carriera - che è riuscito perfettamente!!! Tanto che, nonostante la dose fosse per un esercito, abbiamo congelato solo due tupperware superstiti ^^'

Ho riscoperto gli oggetti che amo e che quasi non ricordavo


Mentre Mr Owl iniziava la sua luna di miele col pianoforte (un romantico tete-à-tete che durerà ancora qualche giorno)


Ho rimesso a posto tutte le candele e le lanterne che avevo traslocato ;)


E stasera festeggiamo con una ventina trentina * di ospiti. Alè :))
Buon weekend a tutti voi!

* aggiornamento delle 13.00 - nel frattempo gli invitati sono aumentati ;)

22 commenti:

  1. Si vede che presa dal mio egocentrismo e il poco internet non avevo capito del tuo trasloco in campagna! :) Ad ogni modo capisco benissimo il tuo stato d'animo e vedrai che la casetta in campagna sarà pronta a riaccoglierti molto presto :)
    Goditi i tuoi ospiti ora e con tutte quelle candele tra gli scalini immagino che tu e Mr Owl siate slalomisti di professione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elvira - effettivamente di solito le lanterne sono su un lato della scala, ma non riuscivo a fotografarle lì dov'erano, quindi le ho spostate nel mezzo ;)



      Elimina
  2. Un rientro con i fiocchi, insomma, dopo la fatica del trasloco!!! Cosa cucinerete per stasera? Sono curiosa: 20 ospiti a cena sono tanti, ma è una degna festa per la ripresa delle attività a tutti gli effetti :-)) Questi tuoi post, Robin, mi piacciono un sacco, sarà che ho anch'io una vena malinconica alla quale piace proprio tanto l'atmosfera tra la tua casa in campagna e il nido, lanternine comprese!! Buon weekend!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no, non cuciniamo mica noi per tutti! Ognuno porta qualcosa :)
      In effetti non si tratta di una "cena", ma di un piccolo concerto in casa. Ne facciamo spesso, soprattutto quando ci sono dei diplomandi che devono provare il programma d'esame (come stasera ;)). Dopo il concerto poi si rimane tutti insieme a mangiare qualcosa e a chiacchierare (noi, il musicista, i nostri e i suoi amici). E' una bella occasione per stare insieme e ascoltare musica in modo più partecipato e spontaneo rispetto al teatro

      Elimina
    2. Oooh!! Robin mi raccomando fai l'in bocca al lupo a Mr. Owl se ha il diploma tra poco... digli che ha tutta la mia solidarietà in questo importante momento!!! Poi ha deciso dove fare l'esame? Sono emozionata per voi!!! Il diploma in conservatorio è uno dei momenti "clou" della vita!!!

      Elimina
    3. Ops, scusa mi sono spiegata male! Non era la prova del 5° anno il Mr Owl, ma la prova di diploma di un ragazzo del conservatorio della nostra città (che tra l'altro ha 19 anni O.O)
      Mr Owl è un po' indietro con la preparazione dell'esame, eheh, ma spero sia pronto nel giro di un anno ;)

      Elimina
    4. Robin hai ragione, in realtà sono stata io sbadata, mi avevi detto che Mr.Owl è al 5° (un'altra bella "bestia")!! Eh, il ragazzo di 19 anni già immagino che sia un genio, il diploma a quell'età non è per noi comuni mortali!! :-)

      Elimina
  3. ciao
    buon fine settimana e ben rientrata nel tuo nido.

    RispondiElimina
  4. hahahha Ambrogio Fogar, e chi se lo ricordava piu'!! Da che cassetto recondito della memoria l'hai ripescato fuori Robin??
    Pure io sono fissata con il MIO cassetto, la MIA parte dela libreria ecc ecc, condividere e' bello, ma non condividere e' meglio hehehe....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robby grazie!

      Sfolli: Ambrogio Fogar era il mio mito dell'infanzia, soprattutto dopo la caricatura di Bonolis a Bim Bum Bam ^^'

      Elimina
  5. Complimentoni per i 30 ospiti. Pensa te, non avevo realizzato che eravate ancora in trasferta. La mia è durata molto meno, ma con la stessa vena malinconica all'addio. La casa-casa è davvero nido, per voi ancora di + visto che siete spesso via per lavoro. Ti ammiro ecco fai anche il minestrone serio tagliando la verdura. Io solo buste findus o coop. Senza sensi di colpa, eh.
    Buono stanziamento allora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... Veramente le verdure per il minestrone le taglio mooooolto grossolanamente (diciamo, il minimo indispensabile perchè entrino in pentola e si riescano a girare) poi trito tutto con il minipimer ;)
      Facendo litri e litri di minestrone alla volta non potrei proprio tagliarlo a pezzi fini O_o

      Elimina
  6. Buon rientro e buona serata!
    Anche io faccio spesso i conti con la mia natura malinconica e con la tendenza a diventare parte di un posto che mi piace in veramente poco tempo...
    A presto!
    :-))

    RispondiElimina
  7. Bentornata a casa!
    Come te, anche io faccio fatica a salutare luoghi e cose, ma alla fine di casa ce n'è solo una :)
    Ecco, il minestrone per me è il segno che l'estate è ormai finita, cominciano le serate buie e fredde :) che buono!

    RispondiElimina
  8. ArteMamma e Lisa: grazie :) Io dico sempre che mi affezionerei anche allo spillo che mi ha punto un dito :/
    Lisa, non sono sicura che nel mio caso sia vero che la casa è una sola: un po' perchè mi trovo a vivere in posti diversi, un po' perchè il mio cuore non è solo qui, tutto sommato sento di avere diverse case - e le amo tutte :)

    RispondiElimina
  9. Robin, ti scrivo in "diretta" dal MIO trasloco, quindi capisco ogni tua sensazione, anche se per fortuna a me spetta di occuparmi solo dei miei (mille) borsoni più vari su e giù per le scale per aiutare i miei. Capisco il magone nell'abbandonare il posto che fino a ieri era casa, e anche il piacere di ritrovare quello che in campagna non c'era. La cosa che in assoluto mi è mancata è l'adsl, per il resto apprezzo entrambi i lati della mia "doppia vita".Certo che davvero, non sai quante volte porto "su" roba che poi non uso, vestiti che poi non indosso, ma io sono la classica persona del "può sempre servire". E, stesso tuo panico nel vedere che non mi ricordavo il gioco d'incastri per sistemare le cose in camera, aaahhh!...esausta, adesso.
    Buona domenica! :)

    RispondiElimina
  10. Bentornata !!! Ho visto quel spartito e l'ombra del pianoforte .. Posso venire anche io stasera ?
    Dove c'è un piano , c'è una parte di me.. ;-)

    RispondiElimina
  11. Natadimarzo - Oh beh, un abbraccio solidale allora, collega di trasloco! ;)

    Vaty - Sarebbe molto bello poterti invitare ai nostri concerti, se solo non fossi un po' fuori mano. La nostra mailing list però è sempre molto aperta e aggiunge volentieri chiunque sia interessato a una serata simile :)

    MP - Ma ti pare che 'ste diavolerie possano andare bene per una come me, novantenne travestita da trentenne? L'ho anche dovuto googlare l'ereader, per essere sicura di aver capito bene cosa fosse ^^' E comunque la soddisfazione che dà la carta, il suo profumo, il gusto di sfogliare le pagine e di vedere il volume di quello che hai già letto non ha paragoni

    RispondiElimina
  12. Bentornata, anche questa stagione estiva è passata, ma ê bello sapere che l'anno prossimo ce ne sarà un'altra, ed ora goditi questi mesi nel vostro nido!!
    E' bello riscoprire il piacere di preparare il minestrone, che col caldo si lasciava per tempi migliori!!
    cari saluti,
    Dany

    RispondiElimina
  13. Bentornata Robin! Non è bello rientrare nel nido, riaccendere queste meravigliose lanterne, e coccolarsi con un bel minestrone? Ah l'autunno!
    Buona giornata!

    Nadine

    RispondiElimina
  14. Per quanto bene si stia fuori, tornare a casa è sempre bellissimo quando l'estate è finita!
    bella l'idea della festa del rientro!

    RispondiElimina

I vostri commenti sono importanti quanto i miei post. Se lascerete una traccia del vostro passaggio sarò felice :)