mercoledì 11 luglio 2012

Presentami un blog - alla fine arrivo anch'io



Quando ho letto questo post di MammaFelice ho pensato subito "Ma che bella iniziativa!" salvo però non avere il coraggio di partecipare ;) Credo che, se non fossi stata invitata espressamente da LaIre, avrei lasciato perdere: se già è difficile parlare di sè e del proprio blog, davanti a domande come "un buon motivo per seguirti" mi congelo completamente. Io sono una di quelle persone che ai colloqui di lavoro sembra voler dire "guardi, non mi assuma, tutto sommato non valgo quello che crede", quindi la mia risposta sincera a quella domanda sarebbe "non ne ho idea: se fossi un'altra io non mi seguirei. Già mi sembra impossibile avere tutte le follower che ho!"

Visto però che quella proposta da MammaFelice è solo una "traccia", mi permetto di seguirla in modo sommario e personale, sperando di riuscire a mettere insieme una presentazione decente ;)

Questo blog è nato quando avevo da poco iniziato la convivenza, ovvero quando cominciavo ad "assestarmi" dopo il terremoto che aveva rappresentato il trasferimento, appunto, nel Nido (che nel mio caso era l'appartamento di lui, nella casa della sua famiglia: devo dire altro? ;)) A differenza di quello che capita alla maggior parte delle persone, che inaugurano il loro "nido d'amore" con picchi di entusiasmo, gioia incontenibile e sollievo per essersi finalmente affrancati dalla famiglia di origine, per me è stato un po' più complicato. Se v'interessa, potete leggere i dettagli qui

Il blog non ha nessun obiettivo :)
Scrivo reportage di viaggio ma non sono una travel blogger.
Mi lamento parlo molto di lavoro ma non sono una donna in carriera.
Talvolta mi diletto con hobby creativi e DIY ma non sono una craft blogger.
Occasionalmente vi lascio delle ricette ma non sono affatto una food blogger (Io? Sì, certo! Ahahah).
Adoro organizzare piccoli contest che sono più che altro giochi tra amici: nessun premio di sponsor, nessuna mobilitazione di centinaia di partecipanti, poca pubblicità... ma molto divertimento, almeno per me ;)
A questo proposito, c'è un contest aperto proprio ora

Nel Nido non troverete i pulsanti "seguimi anche su..." perchè non è collegato a Twitter, Facebook, Google Friend Connect, Instagram (si scrive così? ^^'), Pinterest e via di seguito. Un po' perchè mi sembra che un blog sia più che sufficiente per quel che ho da condividere. Un po' perchè la mia presenza su Facebook e affini è legata alla mia identità vera, mentre il Nido è un blog rigorosamente anonimo.

Se siete curiosi potete dare un'occhiata in giro, se avete domande non siate timidi e chiedete pure: il cuore di un blog, per come la vedo io, è proprio l'interazione tra chi "scrive" e chi "legge"

7 commenti:

  1. Devi portare pazienza, non ho resistito e ti ho collocata nella seconda tappa della caccia al tesoro.... :-)

    RispondiElimina
  2. ciao piacere di conoscerti, che bel blog vario, è bello parlare di tante cose infatti il nostro è un blog diario ed è normale parlare un pò di tutto :)

    RispondiElimina
  3. Ire, grazie! Sono commossa *^_^* In cambio, per sembrare un travel blog semi-serio, prometto un reportage su Parigi: parto domani :)
    Twins - piacere mio! ;)

    RispondiElimina
  4. non mi capitava da un po di leggerti ma per fortuna c'è la caccia al tesoro

    RispondiElimina
  5. mi piace la tua presentazione, ci ho trovato qualcosa di me (credo sia anche questo il bello dei blog)... tornerò a trovarti.

    RispondiElimina
  6. Il nome del tuo blog,mi ha fatto pensare al pettirosso di un libro letto tanto tempo fa "Il giardino segreto"...
    I nostri blog, sono i nostri giardini

    RispondiElimina

I vostri commenti sono importanti quanto i miei post. Se lascerete una traccia del vostro passaggio sarò felice :)